SCIRVI LA PAROLA NELLO SPAZIO SOPRA POI PREMI INVIO PER INIZIARE LA RICERCA. PREMI ESC PER USCIRE

Viaggi al tempo del Covid

In attesa di poter tornare a viaggiare tranquillamente alla fine della pandemia, scopriramo come alcuni Paesi stanno facendo conoscere le proprie bellezze artistiche in modo virtuale, con visori immersivi che simulano la realtà:

Un esempio è l’aerolinea giapponese First Air, che già dal 2017 offre voli in realtà virtuale con tanto di biglietti e pasti a bordo, che con l’arrivo della pandemia ha visto schizzare le prenotazioni del 50%.

Con un visore virtuale si può passeggiare tra i vicoli di Venezia, salire fino al National Palace of Pena di Sintra, vicino a Lisbona (foto in alto), per ammirare a 360° il panorama circostante o scoprire i principali monumenti ma anche le zone meno conosciute di Roma, Rio de Janeiro, Atene e Pechino…e se si opta per la visione in realtà virtuale di Google Earth è possibile approdare praticamente in qualsiasi angolo del nostro pianeta.

Tra i Paesi più all’avanguardia nei viaggi virtuali, invece, troviamo la Germania, che ha creato diversi video in VR per mostrare diverse attrazioni turistiche: dai castelli più famosi visitabili con il visore Microsoft Hololens, ai video a 360° delle coste del Baltico e del Mare del Nord visionabili con gli Oculus Rift.

Questo modo di viaggiare virtuale continuerà anche dopo la fine della pandemia oppure è solo una fase che non durerà?

Lascia un commento

Please be polite. We appreciate that. Your email address will not be published and required fields are marked

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.