SCIRVI LA PAROLA NELLO SPAZIO SOPRA POI PREMI INVIO PER INIZIARE LA RICERCA. PREMI ESC PER USCIRE

L’MIT ha creato un’ intelligenza artificiale folle

Intelligenza artificialeIl suo nome è Norman ed è uno psicopatico, proprio come il protagonista di Psyco, ma in realtà è un’intelligenza artificiale sviluppata dall’MIT fornendo agli algoritmi materiali presi da uno dei canali più oscuri di Reddit, sito molto popolare negli USA dal funzionamento simile a un social network, che trattavano principalmente di violenza e morte, fornendo per varie foto le descrizioni date dagli utenti.

È stato poi chiesto a Norman di effettuare il test delle macchie di Rorschach, uno dei più famosi test per delineare la personalità, utilizzato da oltre un secolo in psicologia e psichiatria.

Il risultato? Laddove le intelligenze artificiali vedevano dei fiori, Norman rilevava vittime di uno scontro a fuoco mentre, dove una macchina tradizionale indicava l’immagine come un ombrello, quella creata dall’MIT indicava una donna nel panico per la perdita del marito.

Che senso ha tutto ciò vi starete chiedendo.

L’obiettivo del MIT, attraverso questo esperimento, è di dimostrare come la pratica di prendere dati per gli algoritmi da un enorme volume di dati aggregati possa essere controproducente e, talvolta, pericoloso.

Un problema simile l’ha avuto nientemeno che Google qualche anno fa quando, su Google Foto, per un breve periodo, è stato associato il tag “gorilla” alle persone di pelle nera, creando un chiaro problema di razzismo, naturalmente involontariamente.

Tuttavia questo esperimento ha anche un aspetto positivo: esso, infatti, dimostra come, con la partecipazione attiva della community, sia possibile correggere comportamenti errati o pericolosi delle intelligenze artificiali. I ricercatori, infatti, hanno invitato gli utenti a compilare un modulo in cui vengano indicate associazioni meno macabre alle macchie, per permettere a Norman di aggiustare la sua “personalità” con lo slogan “Help Norman to fix himself”.

Lascia un commento

Please be polite. We appreciate that. Your email address will not be published and required fields are marked

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.