SCIRVI LA PAROLA NELLO SPAZIO SOPRA POI PREMI INVIO PER INIZIARE LA RICERCA. PREMI ESC PER USCIRE

La rete 5G sbarca in Italia: cosa cambia per privati e aziende?

rete-5G

Vodafone e TIM hanno da poco lanciato il 5G, la rete mobile di quinta generazione che promette di rivoluzionare il modo di connettersi a Internet.

La rete mobile di quinta generazione sta muovendo i primi passi anche in Italia, mentre in altri Paesi rappresenta già una realtà consolidata. Il via alle prime sperimentazioni è arrivato a giugno per le città di Roma e Torino e a luglio si sono aggiunte Milano, Verona, Bologna, Firenze, Napoli, Bari e Matera. Una lista che sicuramente tenderà ad allungarsi sempre di più nei prossimi mesi.

 

Le caratteristiche della rete 5G

Il 4G, la rete attualmente più performante a disposizione degli utenti, è destinato a scomparire per cedere il posto al 5G, la nuova rete mobile dalle prestazioni nettamente superiori.

Il primo vantaggio del 5G è la velocità: grazie alle nuove tecnologie, la connessione a Internet diventerà, infatti, fino a 20 volte più veloce rispetto agli standard attuali.

Tra gli altri punti di forza vi sono, poi:

  • la capacità di elaborare dati di decine di megabit al secondo per decine di migliaia di utenti;
  • l’aumento della copertura ed efficienza della rete;
  • la possibilità di gestire centinaia di migliaia di connessioni wireless contemporaneamente.

Tutte caratteristiche che promettono di migliorare l’esperienza degli utenti e che, soprattutto, aprono innumerevoli possibilità per le aziende.

 

Nuovi scenari possibili per le aziende

 Con la nuova rete 5G vengono introdotte tre nuove tecnologie particolarmente pensate per l’utilizzo aziendale:

  • enhanced Mobile Broadband (eMBB), che consente di raggiungere velocità di trasmissione dei dati fino a 20 Gbps e migliorare la ricezione;
  • massive Machine Type Communications (mMTC), che punta a migliorare la copertura indoor e consente di connettere centinaia di migliaia di dispositivi “internet delle cose” (come ad esempio sensori industriali) per chilometro quadrato;
  • Ultra-Reliable Low Latency Communications (URLLC), utile ad incrementare la velocità di risposta delle applicazioni di tipo industriale.

Il 5G potrà, quindi, garantire migliori performance e dare spazio all’implementazione di nuove strumentazioni.

Il cambiamento interesserà sicuramente il settore della robotica industriale, che finalmente potrà abbandonare la connessione via cavo per affidarsi a una rete wireless efficiente.

Per moltissimi altri settori si aprirà, inoltre, la strada all’utilizzo di nuove tecnologie che sfruttano la realtà aumentata: occhiali di realtà aumentata e visori 3D connessi alla rete permetteranno di agire da remoto su macchinari e impianti ed effettuare interventi a distanza.

Scenari dal futuro che, sicuramente, confermano le immense potenzialità della rete e la sua portata rivoluzionaria nel mondo del lavoro.

Lascia un commento

Please be polite. We appreciate that. Your email address will not be published and required fields are marked

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.