SCIRVI LA PAROLA NELLO SPAZIO SOPRA POI PREMI INVIO PER INIZIARE LA RICERCA. PREMI ESC PER USCIRE

Internet festeggia un quarto di secolo

L’11° Rapporto Censis/Ucsi sulla Comunicazione dell’ottobre del 2013 conferma che il Web, anche per gli italiani, soprattutto giovani, è uno strumento largamente diffuso e ormai indispensabile; lo studio infatti conferma che gli utenti di Internet si assestano al 63,5% della popolazione, la percentuale sale nettamente nel caso dei giovani (90,4%).

In tutto il mondo, però, le 25 cybercandeline saranno spente da milioni di utenti del World Wide Web: all’inizio era soltanto uno dei tanti servizi disponili su Internet, ma diventando gratuito il “www” ha decisamente cambiato la vita di milioni di persone.

Internet è nato 25 anni fa quando il londinese Tim Berners-Lee ideò nel marzo 1989 il “sistema ipertestuale distribuito” come metodo per migliorare le comunicazioni all’interno del CERN di Ginevra dove lavorava.

Nacque così il World Wide Web. E Berners-Lee rilasciò Mosaic, il primo browser web popolare.

Tre anni più tardi, nel 1991, sempre presso il CERN il ricercatore definì il protocollo HTTP (HyperText Transfer Protocol), il sistema, cioè, che permette una lettura ipertestuale, non-sequenziale dei documenti, saltando da un punto all’altro mediante l’utilizzo di hyperlink. Il CERN decise di rendere pubblico il “www” rinunciando a qualsiasi diritto d’autore il 30 aprile 1993, cambiando così per sempre la vita degli esseri umani, del loro modo di comunicare, di approcciarsi alla quotidianità, di confrontarsi, di conoscere e conoscersi.

Vivere oggi senza ‘connessione’ risulta ai più impensabile tanto che una recente ricerca del ‘Pew Research Center’ ha evidenziato come il 46% degli utenti statunitensi adulti ritiene la rete la tecnologia più indispensabile tra quelle a disposizione e per il 53% degli utenti sarebbe ‘molto difficile’ separarsi dalla rete (una percentuale che nel 2006 era solo del 38%).

Che dire allora…buon compleanno Internet!

Lascia un commento

Please be polite. We appreciate that. Your email address will not be published and required fields are marked

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.