I social trend del 2018

Uno dei campi che più si è sviluppato negli ultimi anni è sicuramente quello del digital e social media marketing. Oggi vogliamo parlarvi non dei cambiamenti avvenuti, ma di quelli che si dice avverranno nel corso di quest’anno appena iniziato e dei trend da seguire per fare un buon marketing digitale durante il 2018.

Privacy Policy: come funziona e quali rischi si corrono

privacyDa qualche anno ormai, nella maggior parte dei siti che visitiamo, possiamo vedere l’apparizione di un banner che ci richiede di accettare o meno l’utilizzo dei cookies. Questo banner fa parte dell’iter di protezione della privacy attuato dal sito web, che si compone di Privacy Policy e banner per l’autorizzazione dei cookies. Ma in base a cosa dobbiamo costruire la nostra Privacy Policy?

Novità in vista: Ecco cosa c’è da sapere sui nuovi cambiamenti dell’algoritmo di Facebook

L’11 Gennaio, attraverso un post, Mark Zuckerberg ha annunciato un nuovo cambiamento dell’algoritmo di Facebook. Il cambiamento riguarderà la news feed (la cosiddetta home) per cercare di mostrare più post di famigliari, amici e gruppi e meno post pubblici, per cui per i brand ci sarà, probabilmente, una significativa diminuzione della reach organica.

L’obiettivo? Creare una community.

Il nuovo brand Google

Google-Cloud-conceptTutte le piattaforme tecnologiche ruotano intorno al cloud, un insieme di tecnologie e modalità di fruizione di servizi informatici come l’archiviazione, l’elaborazione o la trasmissione di dati caratterizzata dalla disponibilità on demand attraverso internet.
Google ha deciso di creare Google Cloud in modo da riunire tutti i suoi servizi cloud, tool e piattaforme in un’unica soluzione.

Google penalizzerà ulteriormente i siti non mobile friendly

google-mobile-friendlyGià dall’anno scorso il colosso di Mountain View aveva comunicato la decisione di penalizzare i siti non mobile friendly a partire dal 21 aprile 2015. Lo scopo è quello di educare il mondo degli sviluppatori affinché portino online prodotti pienamente in linea con le attese e le necessità degli utenti. Tale penalizzazione riguarda l’algoritmo che determina il posizionamento nei risultati di ricerca e che considera più di 200 Fattori di Ranking.