SCIRVI LA PAROLA NELLO SPAZIO SOPRA POI PREMI INVIO PER INIZIARE LA RICERCA. PREMI ESC PER USCIRE

Amazon Go: Il primo supermercato “digitale” del mondo

Amazon GoDopo 5 anni di test e 1 anno di sperimentazione, in cui lo store era attivo solo per i dipendenti di Amazon, apre a Seattle, al piano terra della sede principale del colosso dell’e-commerce, il primo supermercato della storia gestito interamente dalla tecnologia, senza casse e con la possibilità di entrare, prendere i prodotti desiderati e uscire liberamente senza dover fare code per pagare.

Ma come funziona questo gioiello di tecnologia?

Innanzitutto occorre scaricare l’app dedicata “Amazon Go”, all’ingresso del supermercato ci si “registra” passando il telefono come se fosse un badge e si è pronti per la spesa. All’interno del market si è liberi di prendere qualsiasi tipo di prodotto, che verrà inserito in un carrello virtuale e che, al momento dell’uscita, verrà addebitato direttamente sul vostro conto Amazon.

Per gestire il tutto è stato messo a punto un sistema di videocamere, sensori e intelligenza artificiale che, lavorando in sinergia, permette ai gestori del market di sapere con quasi certezza chi prende quale prodotto e anche se lo rimette al suo posto. Ma come fa questo sistema a capire quanto addebitare al cliente? Grazie alle Recurrent Neural Networks, reti capaci di vedere e, soprattutto, memorizzare ciò che vedono, consentendo di avere algoritmi di visione in grado di riconoscere persone, oggetti e azioni.

Un altro problema è quello delle telecamere che, avendo una visione lineare, devono essere impiegate in grande numero per garantire la copertura dell’intero supermercato, ma che devono formare un’unica scena. Per far fronte a questo problema è stato messo a punto un sistema probabilistico basato su due aspetti: il primo è che Amazon conosce lo storico di ogni cliente, potendone prevedere gli acquisti a grandi linee; la seconda è che, combinando varie misurazioni provenienti da varie sorgenti,  il sistema può imparare dall’osservazione e può fare previsioni. Un sistema di lettori Rfid infine conferma questo intricato sistema portando la possibilità di errore quasi a zero.

Questa trovata è sicuramente rivoluzionaria nel campo della grande distribuzione lanciando di fatto una nuova idea di supermercato “digitale” che finora era utopia.

 

Lascia un commento

Please be polite. We appreciate that. Your email address will not be published and required fields are marked

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.